Notice: Undefined offset: 1 in /home/ale_cri/prezzo-imbiancarenovara.it/wp-content/themes/cristi-nineteen/schema.php on line 12

Dipingi da solo? Quello che devi sapere per fare bene

49
9.8

option1

10.0/10

optino2

9.8/10

option3

9.5/10

Pro

  • pro 1
  • pro2
  • pro3

Contro

  • con 1
  • con 2
  • con 3

Dipingi da solo? Quello che devi sapere per fare bene

Cerchi un Imbianchino?

Ho infinitamente aumentato il mio rispetto per coloro che possono passare giorni consecutivi a maneggiare spazzole e rotoli pieni di calce. Ho dipinto la mia cucina.

Per chi lo fa ogni giorno, la pittura è molto più semplice. Se, come dilettante, inizi a dipingere te stesso un quarto di una cucina o due pareti e il soffitto nel corridoio, vedi quanto lavoro è. E proprio perché non siamo professionisti, questa operazione richiede molta formazione e chiare spiegazioni, come per gli ignoranti, comprese cose che sembrano ovvie.

Non ridere: al primo dipinto, vedrai sulla tua pelle – letteralmente e figurativamente – che tutti i trucchi che ho passato qui hanno un senso!

Informazioni sui materiali necessari

Partiamo dal presupposto che i muri sono già stati riparati o che è necessario solo uno strato fresco sui muri.

Scegli uno lavabile adatto al tipo di stanza che stai dipingendo – bagno, cucina – tenendo conto delle proprietà di cui hai bisogno, a parte il colore. Preferibilmente quelli che lasciano respirare il muro e sono molto facili da lavare senza sbiadire. Per quanto riguarda la scelta del colore, ecco alcuni suggerimenti nell’articolo su come scegliere nuovi colori nella tua casa .

Come strumenti, hai bisogno di un pennello per i punti più difficili da raggiungere e per i bordi, 1-2 rotoli (uno al massimo 20-22 cm per il soffitto e un altro più grande, per le pareti) e un vassoio per la vernice del tipo che vederlo sotto.

È possibile trovare diversi tipi di rulli sul mercato e la loro scelta è semplice: più la superficie da verniciare è sottile e sottile, più corto è il filo di fibra e quelli nella spugna sono per la vernice a smalto. Tieni a mente una cosa però: più sono soffici, più diventano difficili da inzuppare nella vernice e più è pesante e difficile da gestire per una persona senza esperienza di pittura. Ne ho sofferto, ecco perché ho scelto una spugna, anche se ciò significa “nutrirla” più spesso con lavabile!

Per il soffitto, potrebbe essere utile una coda di legno per adulti, che puoi usare come estensione, in modo da non appollaiarsi su una scala. Ma hai bisogno di un po ‘di destrezza per gestire il rullo da una tale distanza.

Indossa abiti più vecchi (li maccherai seriamente) e usa guanti e occhiali di plastica per non schizzare negli occhi. Tieni a portata di mano alcuni panni umidi, in modo da poterli pulire immediatamente in caso di fuoriuscita di vernice (specialmente sulle suole, in modo da non scivolare e cadere), così come 3 confezioni con pellicola protettiva, che puoi trovare nei negozi Fai da te per 6-10 lei ciascuno. Potresti gestire 2, ma è meglio restare che non averne abbastanza.

Passaggio 1: preparazione per la pittura

La prima cosa da fare è svuotare la videocamera da tutto ciò che può essere facilmente rimosso o ribaltato durante il processo. Tirare i mobili accanto alle pareti, in modo da avere accesso a tutte le aree in cui è necessario dipingere. Disporli in modo tale, al centro della stanza, in modo da avere anche un posto dove calpestarli o un posto per portare la scala, per raggiungere il soffitto.

Coprire tutto con un foglio protettivo. Di solito, questi fogli sono molto grandi, quindi puoi tagliare il pezzo in due o tre, a seconda della superficie che devi proteggere. Fissalo con gusci di carta per una maggiore sicurezza.

Protegge anche i telai delle finestre e dei telai delle porte, anche con gusci di carta, in modo da poterli dipingere facilmente senza sporcarsi. Copri i lampadari che non togli, coprendoli anche con pellicola protettiva o carta.

Il muro deve essere accuratamente pulito – polvere e ragni, altrimenti si mescoleranno con vernice lavabile e lasceranno segni sulle pareti. Se ci sono evidenti macchie di grasso o schizzi, sgrassare il muro con acqua e detergente. La sporcizia non sarà completamente rimossa, ma nessuna sostanza si attaccherà ad una parete rivestita con schizzi di cibo induriti, per esempio. (Sembra incredibile, ma ho visto case con qualcosa del genere.)

Vedrai che questo passaggio richiede molto tempo, ma ti fa risparmiare una pulizia dolorosa. Se tutto è ben protetto, tutto ciò che devi fare alla fine è vuoto e polvere, come al solito, prima di riportare indietro gli oggetti scaricati.

Passaggio 2: adescamento

Il secondo passo è applicare un primer, che in realtà è una combinazione di acqua e spray, che aiuterà la vernice ad aderire meglio al muro. Applicare il primer con un pennello, rullo, bidineaua o spruzzando con un tipo di spray per la soluzione di pulizia della finestra.

Ora vedrai quanto hai pulito bene le pareti: se sono molto sporche, il primer scorre e lascia una tinta che può essere vista attraverso il lavabile, se non hai dato abbastanza strati o la vernice non ha un alto grado di copertura. Lasciare asciugare bene per almeno mezz’ora, immergersi nelle pareti e fare effetto.

Passaggio 3: pittura

Quando il primer si è asciugato, puoi lavarlo e iniziare dal soffitto. Quando ero piccola, vedevo i miei nonni imbiancare e so che dicevano sempre che il soffitto doveva essere girato in una direzione e senza lasciare che la traccia si asciugasse, altrimenti rimarrebbero ombre sgradevoli. Le vernici lavabili ora non sono così pretenziose, ma è comunque buono stendere il bucato in una direzione quando lo si applica sul soffitto.

Vedrai che dipingere il soffitto è la cosa più difficile, a causa della posizione scomoda in cui ti trovi e del fatto che non devi dipingere su di esso, perché sarai pieno di schizzi.

In primo luogo, utilizzare il pennello per dipingere il giunto del soffitto con il muro e in altre aree in cui il rullo non si adatta (tra i tubi o dietro la galleria della tenda, come nell’immagine sopra). Continuare con il rullo, sempre nella stessa direzione. Per renderti più facile, metti la vernice nel vassoio e da lì alimenta il tuo rullo, mentre lavori, ma prima rotola sulla griglia del vassoio per rimuovere la vernice in eccesso.

Quando hai finito il soffitto, fai un respiro profondo e prenditi cura delle pareti allo stesso modo: prima dipingi i bordi accanto alle finestre e alle porte, quindi le parti in cui puoi usare il rullo. Assicurati che l’ultima tosse da ogni porzione sia sempre nella stessa direzione, se vuoi una trama uniforme.

Se la vernice sembra troppo spessa, puoi aggiungere acqua fino al 10% della quantità totale. Ma sappi che una vernice sottile scorrerà e schizzerà ancora peggio. Inoltre, il livello ottenuto sarà più trasparente e dovrai applicare nuovamente.

9 consigli da tenere a mente quando si dipinge

Le cose sono relativamente semplici, ciò che complica tutto sono i nostri limiti fisici e il livello di esperienza nella pittura. chi si dipinge per la prima volta non dovrebbe aspettarsi miracoli, ma ogni sorta di sorprese. Ecco alcune cose da tenere a mente per evitare problemi il più possibile.

1. Tutti i rulli cospargono. Ricordalo, in modo da non incolpare te stesso e pensare di non saper dipingere.

2. Avere sempre tre punti di supporto quando sei alto e dipingi. Appoggia i piedi su oggetti diversi, uno dei quali dovrebbe essere riparato (tavolo, bancone della cucina) e con una mano preparati a sostenerti quando vai su e giù. Non scherzare con una caduta sana. L’ho imparato quando ho iniziato a arrampicarmi sugli alberi e credimi sono informazioni essenziali per la tua sicurezza.

3. Contrassegnare i luoghi coperti da una pellicola protettiva in cui non è necessario salire (lavandino, piano cottura, sedie, ecc.) In modo da non poter avanzare in alcun modo. Anche per motivi di sicurezza.

4. Indossare scarpe leggere che non scivolano sul piede e che non cadano quando si sale e si scende.

5. Se si spruzzano le pareti mentre si dipinge il soffitto, pulire o uniformare la vernice. Altrimenti, ci saranno segni in rilievo che non possono essere coperti quando dipingi i muri.

6. Se vuoi fare una pausa alla fine di un muro, metti il ​​rullo in un sacchetto finché non torni. La vernice a base d’acqua si asciuga rapidamente e si rischia di indurirsi sul rullo e complicare il processo. O devi lavarlo o cercarne un altro, e questo richiede tempo.

7. Le gocce che cadono fuori dalla pellicola protettiva devono essere immediatamente rimosse in modo da non poter essere rimosse in seguito. Inoltre, puoi scivolarci sopra e cadere.

8. I segni di calce su mobili, porte e finestre possono essere facilmente rimossi con acqua di aceto. Non hai bisogno di strofinare forte, devi solo pulire nella prima fase con un panno imbevuto di acqua di aceto e un minuto dopo pulire di nuovo. L’aceto neutralizza la polvere di calce e non avrai segni biancastri spesso lasciati dopo la verniciatura e che sono difficili da rimuovere dopo il lavaggio con varie sostanze con alti livelli di composti chimici.

9. Al termine, lava gli attrezzi con acqua calda in cui aggiungi l’aceto. Ne avrai ancora bisogno ed è un peccato buttarli via, purché la vernice fresca sia facile da pulire.

Tutto sommato, la pittura richiede sforzo. Se il lavoro fisico non fa parte della tua routine quotidiana o non sei uno sportivo, questa attività può richiedere almeno due giorni per una singola stanza. Il primo giorno è per la pittura e il secondo per il restauro, perché il rinnovamento ti prosciugherà di forza.

Tutto ciò che ho scritto sopra è basato sulla mia esperienza, dopo aver trascorso mezza giornata a dipingere la metà della cucina in cui posso lavare, come parte di un più ampio progetto di ristrutturazione. Il prossimo è il dipinto dei mobili e forse cambiare o dipingere il piano di lavoro. Ma queste sono storie per un altro articolo.

Quali piani di ristrutturazione hai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.